Il gioco dell’incertezza

Il gioco dell’incertezza

Viviamo un tempo di “fragilità creativa” ed il virtuale ci nega ogni identità, dice il filosofo francese Jean Baudrillard.

In una intervista, Enrico Baj domanda al filosofo francese: “Nel tuo ultimo libro ribadisci il concetto che questa società aleatoria e dissipatoria è dominata dal principio di incertezza. Ma si tratterebbe di una incertezza creativa, quindi positiva.

Baudrillard risponde: “Vi è una situazione instabile che può essere sfruttata, non dico in termini positivi, non amando io questo aggettivo, ma per fini poetici, singolari. Voglio dire che la stessa situazione, l’incertezza, può essere angosciante, ma può anche essere esaltante, a condizione di farne un gioco e di fare quindi del principio di incertezza una regola, la regola del gioco. Non si tratta necessariamente di gioco ludico, né tanto meno di videogiochi. Alludo piuttosto a un principio di gioco arbitrario, pur tuttavia disciplinato da una regola, quindi arbitrario, ma non aleatorio. Il gioco degli scacchi, i giochi di denaro, possono anche essere arbitrari e aleatori, eppure contengono anche la regola. Una regola dico, non una legge”.

Io vorrei qui suggerire un gioco che aiuta a scaldare “i motori” dello sceneggiatore e filmmaker. Proviamo dunque così:
– Si stabilisce una parola di partenza, “Etiquo” nel nostro caso, e si fanno derivare cinque altre parole tra quelle che nell’immediatezza ci giungono in mente, senza pensarci.
Ad esempio, da “Etiquo” possono sorgere, anche impropriamente, parole come “soldi”, giustizia”, “legalità”, “sociale”, “film”. Così, analogamente, da ognuna delle cinque nuove parole farne derivare ancora due per ognuna di queste.

Ed allora, ad esempio, da “soldi” penso, dico e scrivo “tecnologia” e “soggetto”; da “giustizia” mi viene “Legge” e “trasgressione”; da “legalità” mi spuntano di getto in mente “percorso” e “tangente”; da “sociale” chissà mai perché mi viene “bisogno” e “collettivo”; infine da “film” viene “progetto” e “finanza”.

Avremo così 16 parole che riassumeremo: Etiquo, soldi, giustizia, legalità, sociale, film, tecnologia, soggetto, legge, trasgressione, percorso, tangente, bisogno, collettivo, progetto, finanza.

A questo punto dobbiamo scrivere una storia, una frase che rincorra un senso, usando esclusivamente le 16 parole con l’aiuto esclusivo di articoli, congiunzioni, punteggiatura ed al massimo “è” o “ha” o “non” o “ma”.

Proviamo:
– La tecnologia non ha bisogno di un soggetto e progetto sociale e collettivo, ma di un percorso tangente di legge, soldi e finanza. “Etiquo film” è trasgressione, ma non di giustizia e legalità.

Ecco, anche se potrebbe sembrare come preparato ad hoc, giuro a tutti coloro che mi leggono che l’ho scritto come m’è venuto al momento, ed anzi ora provo pure a dare un altro senso con le stesse parole:
– Un film è un percorso di trasgressione, un progetto collettivo e socialeetiquo”, tangente la legge, i soldi e la finanza, che ha bisogno di soggetto e tecnologia, giustizia e legalità.

Assicuro che si tratta di un esercizio di creatività, spesso necessario per trovare lo spunto adatto.

È necessario cambiare, vivere in misura che ci trasforma, per essere creativi.

Friedrich Nietzsche diceva degli individui moderni “Quelli cambiano, cambiano continuamente, ma non diventano mai niente”. Questo cambiare senza divenire è il mondo del virtuale. È la possibilità di adottare tutte le forme che è specifica di un certo lavoro sul computer e che costituisce una sorta di morfismo. E il morfismo in questo continuo cambiamento formale è esattamente il contrario del concetto di metamorfosi.

Un altro simpatico esercizio è quello di fare – con un gruppo di amici, magari in una festa, perché è molto divertente per gli sviluppi che assume – una sorta di racconta una storia breve e riportala.

Ed allora: supponiamo di stare con una decina di amici; uno si assume il compito di raccontare la storia ad uno solo di questi, mentre gli altri stanno fuori dalla porta di una stanza e non sentono.

Ad esempio si racconta di un tizio che afferma che l’arte contemporanea è un complotto dove il nulla è solo un bluff, e le gallerie e i collezionisti speculano sul senso di colpa del pubblico; ma potrebbe pure essere il racconto di Maria, romana di Trastevere, che è andata in campagna a vendemmiare ed ha portato con sé i libri di Matemagica e Matemitica, dicendo a tutti quelli che incontrava “te levi o t’elevi”, …insomma, per dire di qualsiasi assurdo, ma anche un fatto di cronaca vera va bene come qualsiasi altra storia.

A questo punto chi ha ascoltato la storia la deve raccontare ad uno degli amici che si fa entrare, e così quest’ultimo farà con il successivo, che a sua volta … …fino a quando l’ultimo che entra racconterà a tutti la storia che ha udito raccontare.

Già il terzo o quarto racconterà una storia stravolta, mentre l’ultimo si troverà a raccontare una storia del tutto differente da quella originale. Ci saranno occasioni ilari e divertenti; in taluni racconti vi si troverà lo spunto creativo, ma soprattutto questo gioco avrà insegnato a diffidare dei racconti riportati e per sentito dire.

Chiudo ricordando che è la televisione che ci guarda, è il libro che ci legge, ed è l’immagine che ci osserva. Su questa base io vorrei che ognuno di VOI si facesse Cinema, e con questo linguaggio riuscisse a raccontare il flusso generazionale di inizio del terzo millennio; ma soprattutto voglio concludere come ho iniziato con Jean Baudrillard:

– “La scrittura automatica virtuale, nei termini delle nuove tecnologie virtuali e informatiche, significa la tentazione di produrre un mondo che si svolge da solo. A questo punto è la tecnologia che marcia da sola, è la scrittura automatica della tecnica che marcia senza soggetto. È quello che avviene nel virtuale: non c’è più soggetto, è il calcolo che funziona da solo, è il numero, è la sintesi logico-matematica, è un’autoproduzione di un sistema che gira su stesso in modo tautologico”.

Di Marzo Vitale